Today: January 17, 2021
Olivia Posted on 10:43 am

Soap Opera – Perché li amiamo e li odiamo

Nel momento in cui stavo crescendo, mia sorella era un’enorme fan di Days of Our Lives, una realtà che non andava oltre me senza scherzo. Mentre guardava il suo dramma, l’ho ridicolizzata: ho espresso commenti sconsiderati mentre parlava del significato dello spettacolo, ho avvolto i Soap Opera Digests che ha comprato al mercato, e ho finto di esacerbare in qualsiasi momento fosse corsa a casa da scuola per accendere DOOL, lungo queste linee mi proteggono dalla visione simultanea di uno spettacolo sostanzialmente più ragionevole (Duck Tales). Per quanto mi divertissi con lei, la situazione si è ribaltata quando ho iniziato a guardare Days of Our Lives alle scuole superiori. Alla fine, mi piace anche a me. Il vuoto della disposizione della TV, aveva un metodo per risucchiarmi semplicemente.

In ogni caso, Days of Our Lives, e in realtà qualsiasi dramma, non è privo di difetti. Qualunque cosa oltre al fondamento, in effetti, i drammi hanno un problema in corso. Le loro difficoltà rendono gli spettacoli sia coinvolgenti che irritanti, conferendo loro un’unicità che nessun altro tipo può tenere al passo. Per le ragioni di accompagnamento, sono spettacoli che amiamo e disprezziamo.

SORAS: SORAS, o Sindrome da invecchiamento rapido di Soap Opera, è il termine dato per molti personaggi che sono bambini di tre anni un anno e poco più che trentenni pochi anni dopo il fatto. Nel complesso ci rendiamo conto che il tempo passa rapidamente, ma non esattamente così rapidamente. Sebbene questa idea sia strabiliante, è anche un po ‘divertente, soprattutto quando un ragazzo dal nulla diventa più stabilito del genitore.

La situazione lavorativa: sembra che un gran numero di persone nei drammi abbia una chiamata onorevole: poliziotti, specialisti, ricercatori, gestori di denaro e donne. Chiamate rispettabili, ma non occupate. La misura del tempo in cui questi personaggi lavorano davvero potrebbe essere diffidente, ma sicuramente è coinvolgente: non potevo desiderare altro che essere un personaggio drammatico e lavorare solo un’ora e sette giorni.

Le linee di trama ricorrenti: Ci sono dimostrazioni che dovrebbero essere visualizzate su una premessa semi-normale per essere seguite. I drammi non sono uno di questi: le linee della trama si muovono alla velocità di un bradipo. Mai tormentati nella drammatizzazione, in qualsiasi dramma, gli Stati Uniti si assicurano che ci sia un simile carnefice cronico, un simile furioso conflagrazionista illegale, o un cervello malizioso simile che distrugge la rovina sugli abitanti di una città in un momento casuale. Comunque sia, ovviamente, se queste cose non esistessero, i drammi non sarebbero drammi. Sarebbero “Lascia fare a Beavers”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *